Il 24 aprile 2020 è stato firmato il nuovo protocollo sicurezza sui luoghi di lavoro

 

Tale accordo aggiorna e sostituisce il protocollo del 14 marzo.

 

Leggi qui il testo integrale

 

Ecco la sintesi:

 

Informazione

L’azienda ha l'obbligo di informare tutti i lavoratori e chiunque entri in azienda di cosa prevedono le disposizioni delle Autorità.

 

Modalità di ingresso in azienda

I lavoratori, prima dell’accesso al luogo di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea. Se tale temperatura risulterà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso ai luoghi di lavoro. Queste persone, per quanto previsto, saranno isolate e fornite di mascherine, non dovranno recarsi al Pronto Soccorso , ma dovranno contattare nel più breve tempo possibile il proprio medico curante e seguire le sue indicazioni.

 

Modalità di accesso dei fornitori esterni

Va ridotto, per quanto possibile, l’accesso ai visitatori e qualora fosse necessario l’ingresso di visitatori esterni (impresa di pulizie, manutenzione…), gli stessi dovranno sottostare a tutte le regole aziendali, ivi comprese quelle per l’accesso ai locali aziendali e attenersi alla distanza di 1 metro.

 

Pulizia e sanificazione in azienda

L’azienda assicura la pulizia giornaliera e sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago. Casomai fosse qualche contagiato, si procede alla pulizia e sanificazione dei locali, così come previsto nelle disposizioni del Ministero della Salute.

 

Precauzioni igieniche personali

Le persone presenti in azienda sono obbligate ad adottare tutte le precauzioni igieniche, utilizzando il sapone e gli igienizzanti messi a disposizione dall'azienda.

 

Dispositivi di protezione individuale

Qualora il lavoro imponga di lavorare a distanza interpersonale minore di un metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative è comunque necessario l’uso delle mascherine, e altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici, ecc.). È previsto, per tutti i lavoratori che condividono spazi comuni, l’utilizzo di una mascherina chirurgica.

 

Gestione spazi comuni

L’accesso agli spazi comuni comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi è contingentato, con la previsione di una ventilazione continua dei locali, di un tempo ridotto di sosta all’interno di tali spazi e con il mantenimento della distanza di sicurezza di 1 metro tra le persone che li occupano. Prevista pulizia giornaliera e sanificazione periodica.

 

Organizzazione aziendale (turnazione, trasferte e smart work, rimodulazione dei livelli produttivi)

Modalità di lavoro agile (smart working) per le attività che possono essere svolte presso il proprio domicilio o a distanza. Turnazione dei dipendenti con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti e di creare gruppi autonomi, distinti e riconoscibili. È necessario il rispetto del distanziamento sociale, anche attraverso una rimodulazione degli spazi di lavoro.

 

Gestione entrata e uscita dei dipendenti

Si favoriscono orari di ingresso/uscita scaglionati in modo da evitare assembramenti o possibili contatti nelle zone comuni (ingressi, spogliatoi, sale mense).

 

Spostamenti interni, riunioni, eventi interni e formazione

Non si fanno riunioni in presenza e se proprio fossero necessarie la partecipazione dev'essere ridotta al quanto necessario e devono essere garantiti il distanziamento interpersonale e un’adeguata areazione dei locali. Gli spostamenti all’interno del sito aziendale devono essere limitati al minimo indispensabile.

 

Gestione di una persona sintomatica in azienda

Nel caso in cui una persona presente in azienda sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria quali la tosse lo deve dichiarare immediatamente. Il lavoratore al momento dell’isolamento deve essere subito dotato di mascherina chirurgica.

 

Sorveglianza sanitaria

La sorveglianza sanitaria deve proseguire rispettando le misure igieniche; privilegiate le visite preventive a richiesta e le visite da rientro da malattia; il medico segnala all’azienda situazioni di particolare fragilità e patologie attuali o pregresse; è raccomandabile che la sorveglianza sanitaria ponga particolare attenzione ai soggetti fragili anche in relazione all’età.

 

Aggiornamento del protocollo di regolamentazione

È costituito in azienda un comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del RLS.

 

 

 

(Admin, 25/04/2020)